Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Il 24 aprile scorso si è tenuta un’interessante riunione dei partner italiani del progetto Eduwork.Net che si prefigge di attivare e supportare reti tra enti di Formazione professionale e imprese sui due temi chiave dell’internazionalizzazione e della collaborazione tra i sistemi formativi e il mercato del lavoro.
Si è condiviso come non si possa non tener conto dell’attuale momento di emergenza da Coronavirus: infatti ogni realtà di questo progetto si è trovata costretta a riprogettare ogni attività, mettendo in campo il meglio delle proprie energie, con l’obiettivo di migliorare l’interazione tra le aziende e gli enti formativi.
Il progetto Eduwork.net mira a costruire reti e partenariati tra gli operatori di IFP e il mondo del lavoro, a livello regionale, nazionale ed europeo. Costruisce capacità a livello di base per l’effettiva attuazione delle politiche nazionali ed europee di apprendimento basato sul lavoro e di apprendistato e sostiene i fornitori di IFP nell’organizzare la mobilità degli studenti IFP all’estero. Il partenariato è costituito da associazioni di IFP, da rappresentanze datoriali e sindacali e da partner tematici, di Italia, Spagna, Grecia, Lituania, Irlanda, Regno Unito. Tra i partner tematici c’è anche una gruppo economico di interesse europeo, di cui il Ciofs-fp è socio fondatore, che comprende rete europea di organizzazioni coinvolte nel campo dell’IFP e dell’occupazione, con sede in Germania.

Gli obiettivi del progetto sono:
Stabilire una rete di attori di IFP e facilitare lo scambio di conoscenze, feedback ed esperienze di attuazione delle politiche, nonché la condivisione delle migliori pratiche sull’eccellenza dell’IFP;
Migliorare la qualità dell’offerta di IFP e il collegamento con le esigenze del mercato del lavoro;
Migliorare l’impatto e la pertinenza dell’offerta di IFP sia per gli studenti che per i datori di lavoro;
Sostenere la mobilità transnazionale degli studenti dell’IFP, attuando le politiche europee in materia di IFP per il trasferimento e il riconoscimento dei risultati dell’apprendimento e utilizzando l’ECVET.

Attualmente le riunioni previste in presenza sono state e saranno effettuate on line. Le visite di scambio e i laboratori transnazionali saranno riprogrammati per la prossima primavera.