È uscito l'ultimo numero della rivista 'CITTÀ CIOFS-FP'

È uscito l'ultimo numero della rivista 'CITTÀ CIOFS-FP'

È uscito l’ultimo numero della rivista “Città CIOFS-FP” con interessanti approfondimenti tra cui:

  • La vision di Confindustria sulla Formazione Professionale;
  • FP di Ispirazione Cristiana e Sinodo dei Giovani;
  • La IeFP e il principio di sussidiarietà orizzontale e verticale (II parte);
  • Mamme sole in difficoltà.

– La vision di Confindustria sulla Formazione Professionale: mette in risalto l’importanza che oggi assume sempre più la Formazione Professionale, asse portante del cambiamento che riguarda l’evoluzione formativa che sta investendo il nostro Paese. Questo significa affrontare una didattica lifelong learning e una formazione collaborativa che si inquadri su un processo di coltivazione delle competenze (conoscenza+esperienza). Inoltre, la Formazione Professionale presenta già un orientamento più vicino ad una certa flessibilità e ad un approccio duale, per questo, Confindustria prevede interventi che a partire dalla Formazione Professionale, vista come un unicum integrato tra le FP ed IeFP, possa sviluppare la nuova strategia formativa.

– FP di Ispirazione Cristiana e Sinodo dei Giovani Domanda Educativa, Sociale e Religiosa e Prospettive di Futuro: un’attenzione particolare è rivolta all’educazione dei giovani all’interno di strutture come scuola e università, trattandosi di luoghi in cui la maggior parte dei giovani trascorre molto tempo. Il Sinodo ha confermato il ruolo insostituibile della formazione professionale, della scuola e dell’università. Un impegno particolare sarà dedicato alle istituzioni educative cattoliche le quali esprimono una presenza significativa in questi ambienti con docenti qualificati e con un impegno culturale adeguato. Esse sono chiamate a proporre un modello di formazione che sia capace di far dialogare la fede con le domande del mondo contemporaneo. Di conseguenza, la formazione professionale di ispirazione cristiana riceve un apprezzamento pieno e assume una posizione di primo piano tra le istituzioni educative cattoliche.

– La IeFP e il principio di sussidiarietà orizzontale e verticale (II parte): i Centri della formazione professionale, ovvero le istituzioni formative accreditate della IeFP- rappresentano un peculiare esempio di “sussidiarietà orizzontale” ed operano in un quadro ordinamentale caratterizzato anche dalla “sussidiarietà verticale”. Circa la IeFP, più in particolare, non poche leggi regionali richiamano espressamente il principio di sussidiarietà, sia in senso verticale nei rapporti tra la Regione e gli enti locali, sia in senso orizzontale nei rapporti con le istituzioni formative accreditate. Molti riferimenti al principio di sussidiarietà sono poi presenti nella legislazione statale e regionale e dal punto di vista istituzionale, appare utile l’introduzione di apposite strumentazioni di raccordo tra lo Stato e le Regioni, e di coesione tra le Regioni stesse.

– Progetto per orientare e includere le mamme sole in difficoltà: il progetto si svolge nel territorio di Roma. Il Lazio è la regione con la percentuale più alta di madri sole. Tra queste, diverse migliaia vivono in condizioni di povertà assoluta e di forte disagio. Per questo, il progetto concentra la sua attenzione soprattutto sui percorsi di autonomia delle mamme, offrendo loro nuove opportunità. Mediante diverse linee d’azione si vuole affrontare i problemi in modo sistemico, a partire dalla centralità del nucleo mamma-bambino. L’obiettivo principale, dunque, è quello di accompagnare le mamma sole con bambini verso il pieno raggiungimento dell’autonomia: economica e relazionale, grazie al consolidamento delle reti di famiglie solidali e forme di welfare leggero.

– Il CIOFS-FP scommette sulla mobilità come strumento di transizione tra formazione e lavoro, grazie al programma ERASMUS Plus che ha permesso ai partecipanti di sperimentare in prima persona una dimensione di cittadinanza europea.

 

Per ricevere il numero della rivista “CITTA′ CIOFS-FP” scrivere a: info@ciofs-fp.org

 

Per leggere l’intero numero della rivista clicca qui.